Loading...

RENAULT-NISSAN DIVENTA IL PRIMO COSTRUTTORE DEL MONDO

 

E così grazie al contributo fondamentale dell’ultimo acquisto Mitsubishi l’alleanza Renault-Nissan si è guadagnata la prima posizione fra i costruttori mondiali per numero di vetture e commerciali venduti nel 2017, superando il Gruppo Volkswagen che pure ha fatto registrare uno storico record di vendite e a Toyota che non ha potuto sommare le vendite dei suoi autocarri pesanti Hino Motors. In dettaglio le vendite di Nissan Motor hanno raggiunto nel 2017 il livello record di 5,82 milioni, mentre Renault ha registrato vendite per 3,76 milioni. A queste vanno aggiunte le vendite totali di Mitsubishi arrivate nel 2017 a 1,03 milioni, portando il complessivo del Gruppo franco-giapponese per il 2017 a circa 10,61 milioni di veicoli venduti.

Le tre case automobilistiche hanno così superato il record di vendite di circa 10,53 milioni registrato del Gruppo VW che era stato il best seller nel 2016, mentre Toyota Motor che nel 2016 ha conquistato il secondo posto, ha venduto 10,2 milioni di unità l’anno scorso. Il “segreto” del risultato raggiunto dall’Alleanza Renault-Nissan è probabilmente stato quello di cercare di aumentare i volume di vendita, realizzando pesanti economia di scala fra i diversi brand associati e di conseguenza ridurre i costi degli investimenti necessari per sviluppare le nuove tecnologie, fra cui le auto a guida autonomia, l’elettrico e i nuovi servizi di mobilità. Uno della ragioni alla base dell’acquisizione del controllo di Mitsubishi siglato nel 2016.

Non a caso il ceo di Renault-Nissan Carlos Ghosn ha dichiarato che voler puntare a realizzare entro il 2022 risparmi fino a 10 miliardi di euro proprio grazie ad una sempre più serrata economia di scala e usare il corposo risparmio ottenuto per finanziare l’aumento delle vendite annuali in crescita fino a 14 milioni di unità l’anno. Ghosn prima di lasciare il suo ruolo di ceo dell’Alleanza punta, insomma, a garantire più parti in comune possibili fra Renault, Nissan e Mitsubishi per tagliare i costi di ricerca e sviluppo e aumentare la redditività. Toyota sta lavorando nella stessa direzione in collaborazione con i due brand “satelliti” Mazda e Suzuki sempre per ridurre i costi dello sviluppo delle auto elettriche e delle nuove tecnologie. E anche PSA subito dopo l’acquisizione di Opel si è messa al lavoro per fare delle analoghe economia di scala, indispensabili anche per scalare le classifiche di vendite mondiali.

(FONTE: www.ilsole24ore.com)

2018-02-01T17:06:21+00:00